EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Cobas TIM – Meno di quanto abbiamo chiesto, meno di quanto avremmo avuto con il regolamento aziendale!

11. Gennaio 2019 | Da | Categoria: TIM

Si può tristemente sintetizzare così il “capolavoro” dell’ultima giornata di trattative su FERIE E PERMESSI terminata alle 6,45 del 9 Gennaio! Una trattativa che è terminata male, grazie all’incapacità di formulare una controproposta che uscisse dal recinto generico della piattaforma presentata da Cgil-Cisl-Uil, facendo sfumare la possibilità di discutere seriamente, della riduzione d’orario a parità di salario, recuperando in pieno quanto avevamo nel 2008 e cancellando il regolamento Aziendale.

L’irrigidimento di una parte precisa del Coordinamento Nazionale RSU ha determinato la chiusura totale dell’Azienda e la sua indisponibilità a discutere di un miglioramento significativo che pure, nonostante tutto aveva dimostrato durante i lavori della commissione a dicembre. Non solo, la discussione si è avvitata in maniera inconcludente e, soprattutto, è stato svilito il lavoro della delegazione riunita in commissione che aveva invece prodotto, in una straordinaria condivisione di intenti, una diversa proposta d’ accordo. Rarissima opportunità fatta miopemente sfumare!

Il risultato è un accordo che, dal 2020 quindi a REGIME, sarà peggiorativo rispetto a quanto avevamo nel 2008 e nel Regolamento Aziendale, che tanto abbiamo combattuto. Inoltre, sulla fruizione delle Ferie e dei permessi si va addirittura in deroga alla legge 66/2003 e al CCNL senza alcuna contropartita.

I COBAS NON HANNO FIRMATO: non potevamo. Dopo aver formulato la proposta di un aumento cospicuo delle ore di permesso ed aver incassato la disponibilità dell’azienda a discuterne (saltata solo a causa della miopia sindacale), un accordo peggiorativo lo lasciamo agli altri.  Se queste sono le premesse, non possiamo non essere preoccupati di quanto potrà accadere sulla discussione  per il 2° Livello, in particolare sul salario diretto e logistico.

ACCORDO STRUTTURALE PERMESSI & FERIE

FERIE: 21 GIORNI – Pianificazione entro 30 Aprile. Fruizione nel periodo GENNAIO – SETTEMBRE di almeno 3 settimane (comprensive delle chiusure obbligatorie). 

FERIE EX ACCORDO – GIUGNO 2018: sono riconosciute 2 GIORNATE AGGIUNTIVE (ex-accordo giugno 2018) in luogo dei 2gg di Bonus accordati precedentemente dal Regolamento Aziendale.

CHIUSURE COLLETTIVE: per i settori non operativi – 1 SETTIMANA ad agosto (a cavallo del 15/08) + 5 giornate contigue alle festività nazionali. Entro il 31/03 di ogni anno, l’azienda comunica le festività nazionali a cui affiancare la chiusura collettiva. Per il 2019 le giornate previste sono: 26 Aprile. 2 Maggio. 23-24-27 Dicembre. 

Le restanti giornate di ferie (per tutti) saranno programmate entro il 30 settembre e fruite entro il 31 Dicembre. Laddove il lavoratore/trice non provveda alla programmazione, l’azienda disporrà la collocazione dei giorni di ferie.

A fronte di particolari necessità il lavoratore potrà chiedere la modifica della programmazione. In caso di lunghe assenze (malattie infortuni ecc.) le ferie saranno godute al rientro.

PERMESSI ANNUI RETRIBUITI (EX FESTIVITA’): 32 ORE, riproporzionate per i Part time. Uso minimo: 15 minuti. Per periodi superiori sarà valida l’effettiva assenza. Fruizione entro l’anno. I permessi non ancora fruiti al 30 settembre dovranno essere programmati È possibile modificare la richiesta sulla base di esigenze personali.

PERMESSI RETRIBUITI INDIVIDUALI: Riconosciute solo 8 ore che sostituiscono la monetizzazione del 4 Novembre. Sono riproporzionate per i Part time e sono gestite come le EX-EF, a fronte delle 12 che avevamo con il contratto di 2 livello fino al 2016.

CONTO ORE INDIVIDUALE: Eventuali permessi non fruiti entro il 31/12 finiscono in un conto ore gestito dall’azienda che provvederà a pianificarne ed esigerne la fruizione entro il 30/04. Non sarà possibile alcuna monetizzazione dei permessi.

Solo per il 2019 eventuali residui del 2018 potranno essere fruiti entro il 30/06/19. Se a questa data vi saranno ancora residui questi non saranno più nella disponibilità del lavoratore e l’Azienda disporrà la fruizione, indicando le date entro il 31/12/19.

BONUS: tutti coloro i quali fruiranno di tutte le spettanze previste nell’anno (permessi a ore e ferie), fruiranno nell’anno successivo di un BONUS di 4 ORE da fruire entro il 31/12.

PERMESSI A RECUPERO: i dipendenti fino al livello 5-S che a novembre hanno terminato tutte le spettanze (ferie + permessi) hanno diritto a 8 ORE DI PERMESSI A RECUPERO (durata minima 30 min), compensando la minore presenza con un recupero orario entro il GENNAIO dell’anno successivo.

Norme transitorie valide solo nel corso del 2019

BONUS 2019: In luogo del bonus del terzo giorno previsto dal Regolamento Aziendale per chi avesse fruito il 75% delle EF viene mantenuta 1 sola giornata che andrà fruita entro GIUGNO 2019.

SMONETIZZAZIONE 6 GENNAIO 2019: Riconosciuto su base VOLONTARIA 1 giorno di permesso retribuito da fruire a giornata intera

SMONETIZZAZIONE 2 GIUGNO 2019:  è obbligatoria. Sono riconosciuti: 1 giorno di permesso retribuito da fruire a giornata intera (come le Ferie) + 4 ore di permesso retribuito da fruire come i permessi retribuiti individuali.

SMART WORKING: non fa parte dell’accordo ma l’Azienda ha già comunicato la proroga fino al mese di Aprile.

Roma 10/01/19

COBAS TIM

Versione PDF

I commenti sono chiusi.