EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Cobas TIM – 8 novembre 2018: incontro tra l’azienda e il coordinamento nazionale delle RSU Digitim, 5g e nuovi scenari

15. Novembre 2018 | Da | Categoria: News

In apertura l’Azienda ha fin da subito presentato la nuova struttura delle Relazioni Sindacali emersa dalle variazioni organizzative intercorse della struttura negli ultimi mesi.

Nella sua esposizione l’Azienda ha confermato che le linee guida del piano strategico DIGITIM rimangono invariate, nonostante la contrazione complessiva dei ricavi che si registra nel settore delle TLC, che solo nel 2017 ha visto un’inversione di tendenza, grazie all’aumento dei ricavi sul fisso dovuti alla diffusione delle infrastrutture a banda ultra-larga.

Durante l’incontro l’azienda ha esposto sostanzialmente i dati presentati nel rapporto sulla filiera delle telecomunicazioni, edizione 2018 tenutasi lo scorso ottobre a Milano.

Nello stesso rapporto, come del resto sottolineato durante l’esposizione, è stato confermato un aumento progressivo degli investimenti nell’intero settore delle TLC, con TIM in testa alle Aziende di TELCO.

Il processo DIGITIM subirà delle inevitabili evoluzioni dopo l’assegnazione dell’ASTA 5G che, sempre secondo le valutazioni Aziendali, nonostante i costi da sostenere, porrà di fatto l’Azienda in condizioni di maggior vantaggio sul mercato a media/lunga scadenza. Tale condizione di vantaggio è legata sia alla possibilità di avere nuovi servizi erogabili sia, al contempo, alla loro diffusione sul territorio con l’infrastruttura di rete necessaria .

L’aggiudicazione della gara sulle frequenze, su cui si poggia il progetto INDUSTRIA 4.O, agevolerà quindi tutte quelle imprese di TELCO che uscendo “dalle promozioni commerciali” potranno utilizzare strutture di rete più vicine ai clienti.

Nella seconda parte dell’incontro, sono state affrontati diverse questioni.

LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI MAGGIORMENTE RAPPRESENTATIVE hanno illustrato la necessità di arrivare all’apertura della trattativa sulla piattaforma di 2 livello da loro scritta e fatta votare nelle assemblee ribadendo, tra l’altro, l’impegno già preso nell’ accordo del 11 giugno 2018.

L’INTERVENTO DEI COBAS.

Anche noi riteniamo importante riaprire la trattativa sul 2 Livello, anche se, ad oggi manca “la cornice” del CCNL che pone questioni non irrilevanti sulla stessa contrattazione. Non solo: il piano DIGITIM e le innovazioni prospettate impongono sì il superamento dell’unilaterale Regolamento Aziendale ma, questo deve avvenire in MODO INNOVATIVO: ciò significa non solo recuperare il passato ma guardare avanti per ottenere miglioramenti normativi e salariali. Già in occasione della trattativa sugli esuberi, che portò all’accordo sulla solidarietà da noi non sottoscritto, presentammo una proposta INNOVATIVA e SOSTENIBILE che, se applicata, avrebbe obiettivamente proiettato l’Azienda nell’alveo delle migliori imprese europee.

Una proposta che aveva come cardine LA RIDUZIONE DELL’ORARIO DI LAVORO, senza perdite salariali, attraverso un meccanismo di rivisitazione di alcuni istituti salariali che avrebbe permesso di eliminare il problema degli esuberi, gestire al meglio le uscite in ART. 4 e contenere (se non abbattere) le perdite per i lavoratori e le lavoratrici. Il regolamento Aziendale e l’accordo dell’11 giugno invece SONO VECCHI perché rappresentano un modo obsoleto di immaginare la gestione delle crisi Aziendali : far pagare ai soli lavoratori e le lavoratrici scelte Aziendali e scelte Politiche sbagliate.

Come Cobas ci dispiace non aver potuto – perché esclusi – contribuire alla stesura della piattaforma presentata da altri, nonostante ne avessimo il diritto, facendo parte del coordinamento nazionale delle RSU a tutti gli effetti. Riteniamo la Piattaforma condivisibile MA ASSOLUTAMENTE INSUFFICIENTE e pertanto pensiamo che vada integrata da rivendicazioni che partano dall’ abolizione della timbratura in postazione, alla riduzione dell’orario di lavoro, all’estensione della flessibilità oraria anche sul modello degli orari SMART WORKING, all’intervento sulle professionalità riducendo tempi e discrezionalità aziendali, fino al ripristino del mancato rientro.

SNATER e CISAL hanno convenuto sulla necessità di riaprire la trattativa puntando l’attenzione sulla necessità di recuperare quanto perso in due anni di applicazione del Regolamento Aziendale e tenendo conto delle vittorie legali da parte dei lavoratori su alcuni temi come Franchigia, Timbratura in postazione, permessi elettorali ecc.).

LE RISPOSTE DELL’AZIENDA. L’azienda è intervenuta indicando la disponibilità a iniziare un lungo percorso di confronto con le OO.SS. per arrivare ad un rinnovamento che dovrà essere incentrato su alcune linee guida riassumibili in: parità di regole, formazione mirata, occupabilità del personale, meritocrazia, coinvolgimento delle persone, riallocazione delle risorse e sviluppo della contrattazione secondo l’accordo interconfederale del 9 marzo 2018 su TEC e TEM (voci di determinazione della struttura salariale).

Inoltre, l’azienda ha sostenuto che le proposte contenute nella Piattaforma (SLC-FISTEL-UILCOM) non sono innovative. A titolo di esempio ha rivendicato come nelle altre Aziende di TLC gli accordi sulla fruizione dei permessi e delle ferie dell’anno in corso, siano stati sottoscritti anche dai Sindacati Confederali (con questo intendono PARITA’ di Regole).

Infine durante l’incontro, l’azienda ha proposto:

SMONETIZZAZIONE DEL 4 DI NOVEMBRE 2018, con il criterio della VOLONTARIETA’. I lavoratori e le lavoratrici avranno quindi la possibilità di sostituire le maggiorazioni previste con una giornata di permesso da FRUIRE A GIORNATA INTERA ENTRO la FINE DELL’ANNO, con le stesse modalità degli scorsi smonetizzati. I tempi sono “più stretti” rispetto agli anni passati e l’Azienda sta già predisponendo l’opportuno strumento web di adesione. I COBAS HANNO SOTTOSCRITTO L’ACCORDO ritenendo la volontarietà una garanzia rispetto ai lavoratori e le lavoratrici.

COMPETENCE TIM: in riferimento alle diverse segnalazioni ricevute sulle anomalie in Busta Paga l’Azienda ha dato la disponibilità per affrontare la questione direttamente con le linee di HRS.

IL PROSSIMO INCONTRO PER L’AVVIO DELLA TRATTATIVA SUL 2 LIVELLO E’ PREVISTO PER IL 30 NOVEMBRE 2018.

Roma 08/11/18

COBAS TIM

Versione PDF_

I commenti sono chiusi.